STAMPA Premio ASPAN

Il Gruppo regionale Ticino dell’Associazione svizzera per la pianificazione del territorio (in seguito ASPAN-TI), considerato che l’elaborazione e l’attuazione di una pianificazione del territorio tecnicamente e giuridicamente corretta esigono ad ogni livello un notevole impegno, specialmente politico, visti i propri statuti, in particolare l’art.2, istituisce un premio biennale destinato a segnalare all’attenzione del pubblico esempi meritevoli di interventi nel campo della pianificazione del territorio, allo scopo di stimolare le autorità con responsabilità in questo settore ad incrementare i loro sforzi in favore di un uso razionale del suolo e di conferire un riconoscimento morale a quelle fra dette autorità che già hanno efficacemente operato secondo tali principi. Il Premio è stato istituito nel 1985 dal Consiglio Direttivo allora presieduto dall'On. avv. Argante Righetti. 

Per l’assegnazione del premio fa stato il seguente:

REGOLAMENTO

Art.1 Scopo

 

Il Gruppo regionale Ticino dell’ASPAN, richiamato l’art.2 dei propri statuti, istituisce un premio biennale per onorare e pubblicizzare iniziative meritorie nel campo della pianificazione del territorio.

 

Art.2 Premio

 

Il Consiglio direttivo stabilisce preventivamente di volta in volta l’importo del premio, con facoltà di successivo adeguamento su proposta del Gruppo di lavoro.

L’importo del premio puo’ essere diversificato a seconda del genere del progetto, suddiviso tra piu’ candidati oppure assegnato solo parzialmente, oppure non assegnato.

Sono ammesse, accanto al premio, segnalazioni particolari.

 

Per l’assegnazione del premio si terrà conto, in particolare:

--dello sforzo per l’attuazione dei principi legislativi e tecnici in materia pianificatoria

--delle novità e dell’esemplarità dell’applicazione

--dell’originalità, dell’efficacia e dell’interesse della proposta

 

Art.3 Oggetto

 

Possono fare oggetto di premio tutte le opere degne di encomio nel campo della pianificazione del territorio e, in particolare:

 

--piani regolatori , segnatamente piani settoriali

--piani particolareggiati

--pianificazioni comprensoriali

--piani di quartiere

--sistemazione di spazi di funzione pubblica

--interventi di conservazione di valori ambientali o storico-artistici

--provvedimenti con particolare effetto culturale o sociale nell’ambito dell’uso parsimonioso del suolo

 

Art.4 Assegnazione del premio.

 

Il premio puo’ essere assegnato a persone fisiche e giuridiche, di diritto privato e pubblico, promotrici di opere come all’art. 3 del presente Regolamento, esclusi i progettisti.

 

Art.5 Gruppo di lavoro.

Il Consiglio direttivo nomina, per un periodo di quattro anni, un Gruppo di lavoro di sette membri incaricato dell’organizzazione del premio.

Di regola ad ogni elezione vengono nominati almeno due nuovi membri.

Il Consiglio Direttivo designa il Presidente del Gruppo.

Il Gruppo di lavoro ha in particolare il compito di:

--individuare oggetti suscettibili di essere premiati

--vagliare le segnalazioni

--redigere il rapporto con le proposte di assegnazione all’attenzione del Consiglio Direttivo

--organizzare la cerimonia di consegna del Premio.

 

Art.6 Segnalazioni

Segnalazioni di oggetti meritevoli possono essere presentate da chiunque.

Esse devono essere indirizzate al Presidente del Gruppo di lavoro entro la fine di giugno dell’anno in cui si conferisce il premio.

Le segnalazioni devono contenere le seguenti indicazioni:

-generalità del candidato, ad esempio ente pianificatore, committente, ecc

--autore dell’opera

--descrizione dell’opera con i piani necessari all’esame

--motivazione del pregio particolare dell’opera

--eventuale documentazione fotografica.

 

Art.7 Preselezione

Il Gruppo di lavoro procede ad una preselezione delle opere prese in esame motivandola succintamente. Se, per le opere segnalate e ritenute meritevoli, ravvisa il bisogno di ulteriore documentazione puo’ chiedere di completare gli atti oppure procede direttamente ai necessari accertamenti. Concluso il suo esame il Gruppo di lavoro propone al Consiglio Direttivo una graduatoria delle opere piu’ meritevoli con la motivazione e l’ammontare del Premio.

 

Art.8 Scelta del premiato.

La scelta dell’opera premiata e la decisione dell’ammontare del premio spettano al Consiglio Direttivo e sono inappellabili.

 

Art.9 Segreto d’ufficio

I membri del Gruppo di lavoro sono tenuti a rispettare il segreto circa gli oggetti esaminati e le deliberazioni prese all’interno del Gruppo.

 

Art.10 Premiazione

La consegna del Premio avviene entro la fine dell’anno di apertura della procedura ad opera del Consiglio Direttivo nel corso di una pubblica cerimonia alla quale sono invitati i concorrenti premiati , gli Organi della stampa scritta, parlata e delle TV regionali.

Per il Consiglio Direttivo dell’ASPAN-TI.
Ing.Giancarlo Ré, presidente 
Lugano, 23 marzo 2006.



Attività
Risoluzioni

Aspan Sezione Ticino
Via Lugano 23
6500 Bellinzona


info@aspan-ticino.ch

T. 091/825.55.56 
F. 091/825.55.58

cerca